Category

Curriculum

Il colloquio di lavoro

By | Curriculum, Lavoro | Comments

L’abito non fa il monaco, si dice, ma in alcune occasioni non è così.
Durante il colloquio di lavoro, ad esempio, oltre a valorizzare le proprie competenze professionali cercando di far capire al selezionatore di essere il miglior candidato possibile per il ruolo offerto, è importante anche apparire nel modo giusto, trasmettendo un’immagine vincente. Come si fa?
In questo articolo vi daremo qualche consiglio.

La prima telefonata.
In linea di massima, il colloquio inizia già dalla prima telefonata, il momento in cui si viene contattati per verificare la reale disponibilità e interesse al posto di lavoro. La telefonata è infatti il primo filtro utilizzato dall’azienda per evitare di perdere tempo e procedere con la selezione del personale più adatto al lavoro: solo se sarete valutati in modo positivo, infatti, verrà fissato un incontro fisico presso l’azienda o l’agenzia di lavoro interinale.

I nostri consigli: siate cordiali e disponibili, isolatevi se siete in mezzo ad altri per dedicare alla telefonata tutto il tempo e l’attenzione che occorre.

Come vestirsi per il colloquio di lavoro.
La prima impressione è molto importante. Non ci sono regole precise, ma noi consigliamo di indossare abiti sobri ed evitare capi eccentrici, adattandosi per quanto possibile al ruolo per cui ci si sta candidando. Abiti scuri per gli uomini, vestiti decorosi senza scollature esagerate o trasparenze per le donne. Importante la cura del corpo: barba fatta o almeno non più lunga di un giorno per gli uomini e un filo di trucco naturale per le donne andranno più che bene.

Il colloquio.
Ricordatevi che il colloquio di lavoro è un momento di tensione anche per il selezionatore, che ha il difficile compito di individuare tra tanti candidati il più “giusto” per ricoprire il ruolo offerto.
Attraverso le domande che porrà durante il colloquio, egli cercherà, oltre a valutare le competenze professionali, anche di fare un’analisi generale del vostro profilo personale, cercando di capire come potreste eventualmente inserirvi in un gruppo di lavoro già affiatato, quanto siate motivati, quale apporto e nuovi stimoli possiate portare al team, e tanti altri aspetti davvero importanti per l’azienda.
I nostri consigli: evitare assolutamente di assumere l’atteggiamento “mi va bene qualunque lavoro, basta lavorare”.
E’ un atteggiamento controproducente che non farà buona impressione.
Invece, consigliamo di rispondere in modo breve e veloce a tutte le domande, cercando di non cadere mai nel silenzio. Con serenità, è importante porre l’accento sui propri lati positivi e magari accennare anche alle aree della vostra personalità in cui potreste migliorare. E’ molto importante saper individuare la motivazione di fondo che vi spinge a volere la posizione lavorativa offerta e mettere opportunamente in risalto le proprie capacità professionali e in che modo possiate rendervi utili nella posizione che vorreste ricoprire. Prepararsi qualche giorno prima ricercando informazioni sull’azienda e sul ruolo offerto è davvero fondamentale. Anche se lo avete già inviato, portatevi una copia del vostro CV.
Di soldi o contratti raccomandiamo di parlare solo in un secondo momento, quando riceverete la comunicazione che la selezione ha avuto esiti positivi.

In bocca al lupo dall’Istituto Luigi Sturzo!

I nostri consigli per trovare il lavoro dei vostri sogni

By | Curriculum, Lavoro | Comments

Forse non tutti sanno che il termine “lavoro” proviene dal latino “labor”, il cui principale significato é “fatica”.
Certo, al giorno d’oggi, la vera “fatica” sembra attivarsi per cercare il lavoro dei propri sogni!
Eppure sono centinaia i blog e i siti che ci raccontano storie di successo, esempi di persone che hanno “faticato” quotidianamente fino a realizzarsi professionalmente, persone che, con passione ed energia, hanno investito il loro tempo nella costruzione del proprio futuro lavorativo e nella ricerca della professione perfetta.
Come hanno fatto?

In questo articolo noi dell’Istituto luigi Sturzo vogliamo darvi qualche consiglio per rendere la vostra ricerca più
efficiente e mirata.

Agenzie interinali o centri per l’impiego: cosa sono?
Le agenzie interinali, più comunemente note come Agenzie per il lavoro, sono agenzie private che svolgono un duplice compito: selezionare personale per conto di aziende che ricercano specifiche figure e trovare lavoro alle persone che si iscrivono ai loro elenchi a questo fine.
Le aziende acquistano dalle agenzie interinali il “servizio” della ricerca del personale e, allo stesso tempo, acquistano anche il diritto a utilizzare le risorse (i lavoratori) e gestirle. Il lavoratore selezionato sarà dunque dipendente dell’azienda ma il suo reale datore di lavoro sarà l’agenzia che lo ha collocato in quella posizione lavorativa.
Questi rapporti tra agenzia, cliente e lavoratore vengono regolamentati da due tipi diversi di contratto:

  • il contratto di somministrazione stipulato tra l’agenzia per il lavoro e l’azienda che ha richiesto il suo
    servizio
  • il contratto tra lavoratore e agenzia interinale, che diventa a tutti gli effetti il suo datore di lavoro

Di solito questi contratti sono a tempo determinato ma il rapporto lavorativo tra lavoratore e azienda puo’ naturalmente evolversi per conto proprio ed eventualmente trasformarsi in un’assunzione diretta da parte di
quest’ultima.

Primo passo dunque: iscrivetevi a un’agenzia interinale (come Adecco o Manpower) inviando il vostro CV online oppure presentandovi di persona presso le agenzie della vostra città.

Registrazione sui siti per la ricerca del lavoro.
Sono tanti ormai i siti internet dedicati a chi offre e a chi cerca lavoro. Il secondo passo per trovare la professione dei propri sogni è senza dubbio quello di iscriversi ai più importanti (tra cui infojobs.it, job rapido.it, subito.it, monster.it, trovalavoro.it e così via) e compilare l’apposito form con i propri dati, le esperienze lavorative, i titoli di studio, impostando anche le notifiche via email per ricevere aggiornamenti su determinate professioni (con la possibilità, quindi, di essere avvertiti con una email ogni volta che viene pubblicato un annuncio relativo alle posizione lavorative di vostro interesse).

Importanza della formazione per l’acquisizione di competenze e abilità.
Il mercato del lavoro è duro ma chi ha capacità e competenze trova sempre la sua strada! Per questo non possiamo che consigliarvi i corsi di formazione dell’Istituto Luigi Sturzo, Ente riconosciuto dalla Regione Campania: i nostri docenti qualificati sapranno prepararvi al meglio nella teoria e nella pratica di professioni sempre più diffuse, rilasciando qualifiche valide su tutto il territorio nazionale ed europeo. Per scoprire tutti i nostri corsi e iniziare a costruire il vostro futuro basta cliccare qui.

Scrivere una buona lettera di presentazione e un Curriculum Vitae adatto.
Spesso ai selezionatori per le aziende occorrono solo pochi minuti per capire da un CV se il candidato è idoneo a svolgere il lavoro richiesto. Per scrivere un buon CV vi rimandiamo ai nostri consigli già pubblicati in uno degli articoli del nostro Blog.

Nel prossimo articolo ci occuperemo di come svolgere un colloquio di lavoro vincente, seguiteci!
Nel frattempo, in bocca al lupo dall’Istituto Luigi Sturzo!

Come si scrive un Curriculum Vitae europeo?

By | Curriculum, Formazione, Lavoro | Comments

Il curriculum vitae è un vero e proprio “documento di presentazione”, da avere sempre pronto e aggiornato
con le ultime esperienze formative e lavorative, che può aprirci le porte del mondo del lavoro.
Ma come si scrive un CV europeo?

Probabilmente la cosa migliore da fare, prima di mettersi alla scrivania a scrivere il proprio, è quella di studiare il modo migliore per presentarsi e definire i punti fondamentali del proprio percorso che rispondono ai requisiti dell’inserzione specifica alla quale state rispondendo.
Il CV, infatti, deve essere sintetico e contenere le informazioni più significative e, soprattutto, più in linea con la figura richiesta.

Vi segnaliamo questo link Europass dal quale è possibile scaricare un modello da compilare e anche un’ottima e dettagliata guida per scrivere correttamente un CV europeo. Vi anticipiamo alcuni punti per un primo approccio alle sezioni che lo compongono.

Dati anagrafici
La prima sezione del CV è certamente quella dei propri dati anagrafici: nome e cognome, indirizzo, recapito telefonico, indirizzo email e così via sono le prime informazioni da inserire e contengono anche i canali attraverso i quali l’azienda, se interessata, potrà contattarvi.

Formazione
E’ consigliabile, come anticipato prima, personalizzare questa sezione del CV con le notizie e le esperienze più
inerenti alla figura lavorativa ricercata dall’inserzionista al quale lo state inviando. Le informazioni che non possono
mancare sono la data e la durata del corso di studi, il nome e la località dell’istituto, la tipologia, l’anno di
conseguimento dell’attestato e, se presente, il voto.

Esperienze lavorative
Per quanto riguarda le esperienze professionali, i dati da inserire sono più o meno gli stessi della sezione precedente;
naturalmente, riferiti alle mansioni svolte. Non occorre perdersi in dettagli ma è giusto essere esaustivi
e indicare tutte le tipologie di lavori finora svolti.

Abilità professionali
E’ una delle parti più personalizzabili del CV e consigliamo di sfruttare al meglio questa caratteristica, mettendo
in risalto eventuali obiettivi raggiunti o esperienze all’estero, sottolineando competenze linguistiche relative a
lingue straniere, capacità relazionali e organizzative, o tecniche, artistiche e così via.

Vi invitiamo ad approfondire ogni sezione con la guida disponibile al link che vi abbiamo indicato sopra e vi lasciamo
con qualche consiglio.

  • Il primo impatto è importantissimo! I datori di lavoro infatti impiegano di solito meno di un minuto
    per valutare un CV ed effettuare una prima selezione dei candidati.
  • Siate chiari e sintetici: il CV deve essere al massimo di 2 pagine.
  • La tua esperienza professionale è limitata? Inizia con il descrivere la tua formazione, dando risalto alle
    attività di tirocinio o volontariato che hai svolto!

In bocca al lupo a tutti dall’Istituto Luigi Sturzo!

Numerose opportunità nel Sociale, diventa Operatore per l’Infanzia o Animatore Sociale

By | Curriculum, Formazione, Lavoro, Senza categoria | Comments

Il settore Socio Educativo coinvolge numerose figure professionali che, avendo frequentato uno specifico corso di formazione, hanno acquisito la giusta professionalità che gli consente di inserirsi in strutture sociali private e pubbliche.

 

 

Istituto Luigi Sturzo
Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Campania
Contatta il nostro numero verde 800182518 per maggiori informazioni.
Circumvallazione Esterna di Napoli Via G. Siani, 35
80010 Villaricca (Na)

Trovare un lavoro attraverso i social Tecnoentusiasti e tecnoapocalittici

By | Curriculum, Lavoro, Senza categoria | Comments

Insomma, è la battaglia infinita che si perpetra ancora. Ciò che cambia è solo lo scenario.

I social media sono una parte della nostra quotidianeità e talvolta non ne possiamo fare proprio a meno.

Pare che questa tendenza alla necessità si stia vieppiù rafforzando a causa dell’attuale trend, come emerge dal rapporto di ricerca di Executives Online, che vede in una posizione centrale il social networking nel reclutamento manageriale.

In questo senso, a giocare la parte del leone è sempre LinkedIn, utilizzato come mezzo principale per costruire la propria rete professionale. Il 90% del campione intervistato naviga quotidianamente tra le sue pagine, preferendolo a Facebook e Twitter.

Read More

Cercare lavoro è già un lavoro: spunti e riflessioni

By | Curriculum, Formazione, Lavoro | Comments

Nel momento storico attuale chi ottiene l’impiego migliore non è sempre il candidato più qualificato ma chi si ingegna a trovarlo.

Rivolgersi alle agenzie per il lavoro, recarsi al centro per l’impiego, seguire corsi di formazione, andare porta a porta, scrivere mille versioni di curriculum vitae personalizzati a seconda dell’impiego per cui ti stai candidando.

“Il pescatore che usa la rete più grande ha maggiori probabilità di catturare pesci”

Allo stesso modo, se sai come allargare la tua rete avrai sicuramente maggiori probabilità di trovare lavoro.

Considerate che parecchi posti di lavoro non vengono pubblicizzati, e ciò significa perdere delle opportunità preziose. Sarebbe molto utile telefonare alle aziende che ti interessano e che potrebbero avere un lavoro che fa per te. “Trovarsi al momento giusto al posto giusto”.

Read More

Il social recruiting

By | Curriculum, Formazione, Istruzione, Lavoro, Senza categoria | Comments

Cresce l’uso dei Social Media in Italia, si modella la loro utilità: oltre a condividere pensieri, immagini, musica, abbiamo la possibilità di costruire il nostro profilo presentandoci e definendo tutte le informazioni che ci riguardano, trasformandolo così  in un “curriculum vitae” on line, accessibile a tutti. E ciò rappresenta un vantaggio rispetto a quella piccola percentuale di possibili candidati non presente sui Social Network.

La rete sociale, tuttavia, non risulta un valido strumento solo per i candidati ma anche per i selezionatori.
Read More

Trovare lavoro attraverso un blog

By | Blog, Curriculum, Lavoro | Comments

Un blog può rappresentare un ottimo strumento per promuoversi e trovare lavoro o nuovi clienti. Ma come creare un blog? E cosa scriverci dentro?

Trovare lavoro al giorno d’oggi si sa, è impresa più che ardua.
A volte, senza gli strumenti giusti, può risultare ancor più difficile.
Ancor peggio se, avendo a disposizione quegli strumenti giusti, li si utilizza nel modo sbagliato!

Mi riferisco ai vari Facebook, Linkedin, Twitter (di cui parleremo sicuramente ed approfonditamente più avanti), i social network che possono darti lustro e visibilità, ma che possono anche fungere da spray lavoricida per i potenziali interessati che cliccano sul tuo profilo, se usati in maniera incauta.

Come muoversi in questo mare magnum di informazioni da veicolare per trovare lavoro?
Un suggerimento potrebbe essere quello di creare un unico punto di partenza delle tue informazioni, che riguardano l’interezza della tua persona e che comprendano quindi, non solo le tue esperienze professionali, ma anche quelle relazionali e perché no, anche quelle emotive e più personali, che ti riguardano più da vicino.

Come puoi esprimere tutto ciò? Attraverso un blog.
Come questo, o creato in 5 minuti mediante uno dei tanti servizi disponibili online.

Inoltre ti ricordo che non sei mai solo nell’affrontare certe cose.
Pertanto ti invito a leggere una guida passo passo, un vademecum che potrà esserti d’aiuto durante tutta la fase di progettazione e messa su strada (o dovrei dire su rete…) del tuo blog personale.

Ovviamente questo è solo uno fra i tanti spunti che avrei potuto citarti.
Se te ne servono altri, scrivici pure qui di seguito 🙂

La social reputation: oltre il curriculum vitae

By | Curriculum, Lavoro | Comments

Nell’epoca visiva, dove le infografiche riescono a suscitare più interesse di un testo di 50 righe scritte su word, il curriculum cartaceo ha fatto il suo tempo e si rinnova in altre forme dove il selezionatore ha in modo immediato accesso alle informazioni chiave riguardo al candidato.

In questo interessante articolo di Piarulli Laura si cerca di chiarire la situazione attuale della domanda di lavoro, su come farla e quali siano le modalità di presentazione più valide.

In questo momento, le aziende sono alla ricerca soprattutto di talenti che si distinguono per la loro Social Reputation sui principali siti social, con particolare attenzione a siti come  Linkedin.

Il candidato si espone sui forum di discussione tematici e fornisce al selezionatore informazioni che vanno al di là di un semplice elenco di esperienze lavorative sterili.

Le dinamiche di comunicazione e relazione via internet, l’uso sapiente degli strumenti tecnologici e la strategia di presentazione del proprio profilo professionale sono aspetti del candidato che possono essere discriminanti fra essere un candidato e “quel candidato”, fra essere uno dei tanti ed essere un nome e cognome.

Ecco, quindi, che in un mercato del lavoro dove sempre più sia il candidato sia l’azienda sono diventati “compratori” di lavoro l’uno, e di “know how” l’altro, internet offre la piazza dove conoscersi e scegliersi, prima ancora del colloquio vis a vis.

E tu, utilizzi qualche servizio online per diffondere i tuoi curricula, oppure preferisci affrontare il colloquio alla vecchia maniera, faccia a faccia?

Il Video-curriculum: uno strumento efficace di self marketing

By | Curriculum, Lavoro, Senza categoria, Video, VideoCV | Comments

Negli Stati Uniti d’America, il Video-curriculum ha rivoluzionato il mercato del lavoro, di chi lo cerca e di chi lo offre.

Recenti sondaggi affermano che il 65% delle imprese ritiene che la video-candidatura diverrà a breve parte integrante del processo di selezione e risulterà non più e non solo un modo per differenziarsi, ma diventerà la prassi. Read More